Paolo Cavinato,
Figure

Paolo Cavinato,
Figure

Paolo Cavinato, Figure, [1970-1980], Olio su tela, 70x80 Firmato in alto a destra
Olio su tela, 70×80,
Firmato in alto a destra “P CAVINATO”

Il quadro raccoglie in modo completo questi diversi aspetti del percorso artistico di Paolo Cavinato. Al centro c’è il pittore. O almeno, un personaggio che riprende i noti caratteri fisici del pittore come la barba, il taglio dei cappelli e le fattezze del volto. Poi, sopra al pittore, una figura di donna. Questa è riconoscibile in quella di tanti altri quadri ed identificabile nella moglie. Infine, al lato c’è un ragazzo, l’amato figlio.

Tra questi personaggi però non c’è scambio comunicativo. L’incomunicabilità e la solitudine di questi personaggi è il primo dato concreto che emerge da questa opera. Anche questa è una costante nella pittura di Cavinato – dove ognuna delle tre figure è chiusa, fermata in una posizione che non dialoga con nessuna parte dell’opera.

Lo sguardo delle figure porta fuori dal riquadro. Questo aumentan il senso di solitudine e sgomento. Nonostante ciò nell’opera è possibile trovare una unicità e una composizione armonica.

A fornire questo risultato vi è la tecnica, con i colori dilavati raccolti in una gamma cromatica diffusa di azzurri, verdi, grigi e bruni. Viene accoppiata ad una grande sapienza compositiva da racconto teatrale.

C’è un’atmosfera sospesa, caratteristica di Cavinato, dove paesaggi e figure diventano quinte di una scena teatrale ripetuta nel tempo, ma sempre diversa e dilavata nei colori come una immagine nella trasparenza della memoria.

Le varie presenze che completano la composizione sono quelle costanti nella pittura di Cavinato, al pari degli atteggiamenti delle figure e della composizione sia come cromatismi che inserimento delle figure.

Le figure, oggetti, personaggi e animali si lasciano osservare nella loro individualità, ma anche per il loro essere parte di un insieme, grazie alle soluzioni pittoriche e non certo per i loro singoli atteggiamenti o aspetti descrittivi che, al pari delle figure umane, sono isolati. Troviamo così il gatto, il merlo, il sole e le rappresentazioni di Venezia, con il campanile di San Marco, e di Parigi, con la bandiera francese, definiti come componenti di un racconto unico, ma fissati anche come elementi reali dotati di una loro specificità.

Il testo di questa audioguida è parte della scheda di Domenica Manfredi per il catalogo della Collezione Bianchedi-Bettoli/Vallunga in vendita presso l’ingresso della Pinacoteca.

♦ Biografia dell’artista
← La collezione Bianchedi Bettoli / Vallunga

Paolo Cavinato,
Figure
ultima modifica: 2018-02-13T11:43:35+00:00 da Pinacoteca