Anonimo romanico adriatico Sec. XII, Parti di ambone: leone di S. Marco e toro di S. Luca

Anonimo romanico adriatico Sec. XII,
Parti di ambone: leone di S. Marco e toro di S. Luca

 

I due animali ornavano l’ambone romanico di Santa Maria foris portam. Il leone è il simbolo di San Marco e il bue alato di san Luca, come indicato nell’Apocalisse di San Giovanni.

Convincente la ricostruzione del monumento da cui provengono questi due frammenti fatta da Achille Calzi: si tratta di due parti dell’ambone, ossia del parapetto di quella tribuna o specie di pulpito sopra cui si osava cantare l’epistola o il vangelo, o da cui si bandivano le feste religiose. Il leone è raffigurato di profilo in posa rampante, rivolto verso destra e con il libro dei Vangeli tra le zampe anteriori.

La testa è incorniciata da un nimbo appena sporgente e le ali, spiegate, occupano l’intera larghezza della lastra. Il bue è raffigurato seduto, rivolto verso sinistra con le ali spiegate, mentre sorregge con le zampe anteriori il libro dei Vangeli. Una piccola aureola incornicia la testa, che non è raffigurata di profilo ma vista dall’alto.

Come ha scritto Anna Tambini queste due lastre appaiono di gusto romanico per il vigoroso modellato e per l ‘immediatezza realistica del leone rampante colto nell’atto di ruggire, pur conservando motivi stilizzati nei calligrafici riccioli della criniera e nelle ali rese quasi come elementi fogliacei. L’opera può ritenersi di area adriatica e datarsi alla seconda metà del XII secolo. Il materiale usato è Pietra d’Istria.

← Vestibolo

Anonimo romanico adriatico Sec. XII, Parti di ambone: leone di S. Marco e toro di S. Luca ultima modifica: 2018-02-14T09:54:43+00:00 da Pinacoteca