Desiderio da Settignano (ambito), Camino

Desiderio da Settignano (ambito),
Camino

Desiderio da Settignano (ambito), Camino
Pietra serena, cm. 238x295x25; n. inv. 199

Documenti, fonti e opere testimoniano nella Firenze di metà Quattrocento l’attività della bottega di Desiderio e Geri da Settignano, che si specializzò ben presto nella produzione di camini, lavabi, stemmi e altri arredi in pietra serena.

A questa bottega è da ricondurre la realizzazione del camino, che attorno al 1480 ornava una stanza dell’attuale Palazzo Comunale, allora residenza della famiglia Manfredi. Tolto da quel luogo originario, pellegrinò in diversi posti fino ad approdare nel 1893 nella sede attuale, dopo essere stato ripristinato e ricomposto.

Il grandioso camino in pietra serena, semplice e armonioso nella linea architettonica. Inoltre è ornato da candelabri laterali a festoni. Al centro un bel festone circolare con un agnello legato alla colonna contro il quale soffia la bocca di Eolo sollevando vortici di girali fogliate. A lato di questo festone dell’agnello legato alla colonna, possibile impresa di Carlo II Manfredi Signore di Faenza dal 1468 al 1477, vi sono due putti alati e ben torniti, che sorreggono una ghirlanda e che sono prossimi a quelli del portale Spinelli nella Basilica di Santa Croce a Firenze. Sulle parti esterni vi è uno stemma araldico della famiglia Manfredi, con gli strumenti del flebotomo (per i salassi), la cordicella per inturgidire la vena prima del taglio e in alto la ferita della vena aperta stillante sangue.

Nel complesso il camino è assimilabile a quello che si trova al Victoria and Albert Museum di Londra, attribuito allo stesso Desiderio da Settignano.

♦ Biografia dell’artista
← Sala Manfredi

Desiderio da Settignano (ambito), Camino ultima modifica: 2018-01-31T11:16:37+00:00 da Pinacoteca