Ruoppolo Giovanni Battista ,
Natura morta di ortaggi, frutta, pani e trancio di tonno

Ruoppolo Giovanni Battista ,
Natura morta di ortaggi, frutta, pani e trancio di tonno

Ruoppolo Giovanni Battista, Natura morta di ortaggi, frutta, pani e trancio di tonno
Olio su tela, datato 1661 (sul retro), cm. 74,5×101 + cornice 7 cm., n. inv. 242, lascito L. Zauli Naldi (1965, n. 12)

Arrivato in Pinacoteca nel 1965 con il lascito del Conte Luigi Zauli-Naldi, che fu anche tra i principali esperti della natura morta italiana, l’opera era stata in precedenza nella raccolta Amendola di Torre Annunziata.

Esposto già nella memorabile mostra di Napoli-Zurigo-Rotterdam del 1962, da cui gli studi sulla Natura Morta Italiana hanno ricevuto un sistematico avvio, il quadro può vantare un ricco e per molti versi interessante dibattito critico. L’attribuzione ora più accreditata è a Giovanni Battista Ruoppolo, grande protagonista nella pittura del genere napoletano,

Di estremo interesse è la data 1661 che si legge, rovesciata, sul foglio di carta su cui poggia il trancio di tonno: è, quindi, un esempio della produzione giovanile del pittore, quando «la svolta barocca non è ancora sopraggiunta» In questa fase la limpidezza della luce e la brillantezza dei colori si accordano con la prolifica e originale disposizione degli oggetti. Primeggia la cura per i singoli elementi della composizione, per il gioco delle luci e delle ombre, per la resa della superficie degli oggetti. Il colore e la materia pittorica corposa denunciano scelte di gusto che diventeranno predominanti negli anni a venire.

♦ Biografia dell’artista
← Natura Morta

Ruoppolo Giovanni Battista ,
Natura morta di ortaggi, frutta, pani e trancio di tonno
ultima modifica: 2018-01-29T11:56:34+00:00 da Pinacoteca