Domenico Rambelli,
Ritratto del pittore Antonio Berti [o] Il mio maestro

Domenico Rambelli,
Ritratto del pittore Antonio Berti [o] Il mio maestro

Domenico Rambelli, Ritratto del pittore Antonio Berti [o] Il mio maestro
Gesso e bronzo, [1907]

Opera presentata alla Biennale di Venezia del 1907. Antonio Berti fu il maestro nella Scuola di Disegno. Proprio in quegli anni terminò con il pensionamento la sua lunga stagione di insegnante. Culminata con la formazione del gruppo di artisti del cenacolo baccariniano.

Questo ritratto, eseguito anche per esprimere riconoscimento al proprio maestro non nascondendone l’autorità quasi paterna, introduce nella produzione giovanile di Rambelli una qualche sensibile novità stilistica.

Come ha scritto Orsola Ghetti Baldi, il modellato tradisce importanti modelli ispiratori in Rodin, Bourdelle e in misura minore Medardo Rosso. Oltre al gusto appreso dal Berti e dall’accademia per un’arte naturalista composta classicamente. Inoltre comincia a manifestarsi un tentativo di autonomia nella cagliatura che Rambelli impone alla materia. Nella condensazione dei piani che impedisce al modellato di frantumarsi nelle mille sottolineature veriste di ritratti. Come l’uomo malato del 1905.

E’ ancora naturalismo, ma in questo esempio presenta come una digitazione per sommi capi ben visibile nel gesso. E in particolare nel modo di tratteggiare dei baffi e di altri particolari del viso. Trapela in quest’opera un’aspirazione di fondo a comporre per blocchi sintetici e a ridurre pertanto i valori descrittivi. Inoltre il busto è più grande del vero. Cosa che parve inutile ai critici di allora, ma che forse potremmo già sentire come un preannuncio dell’ambizione monumentale dello scultore.

♦ Biografia dell’artista
← Sala d’Ingresso

Domenico Rambelli,
Ritratto del pittore Antonio Berti [o] Il mio maestro
ultima modifica: 2018-01-23T09:38:17+00:00 da Pinacoteca