Giovanni Antonio Burrini (Bologna, 1656 – 1727)
,Sibilla

Giovanni Antonio Burrini (Bologna, 1656 – 1727),
Sibilla

Flaminio Torri, Sibilla
olio su tela, 1697 ca., cm. 62×46 (cornice di cm. 23), dalla Congregazione di Carità di Faenza, 1879, N. inv. 2

L’effigiata è ritratta a mezzo busto, con capelli raccolti in un turbante e la mano appoggiata su un soprammobile. 
L’opera è da porsi in relazione con l’Artemisia di uguali dimensioni con cui fa pendant. Fu attribuita a Elisabetta Sirani da Federico Argnani, a Lorenzo Pasinelli da Renato Roli mentre Anna Colombi Ferretti ha proposto Flaminio Torri. Più recentemente la tela è stata ricondotta alla mano di Antonio Burrini,  a cui venne commissionata attorno al 1697, come confermato da ricerche documentarie all’interno dell’Archivio della famiglia Mazzolani, alla quale il dipinto apparteneva. 

♦ Biografia dell’artista
← Sala del Magistrato