Vestibolo

VESTIBOLO

Presentazione

La sala è alquanto suggestiva, nella sua dimensione corrispondente al lungo corridoio di accesso all’istituto già sede dei gesuiti e del primo liceo istituito dallo stato unitario già nel 1861. Ad aumentare il fascino della sala è il fondale con il grande gruppo in terracotta patinata di Alfonso Lombardi (Ferrara, 1497 ca. – Bologna, 1537) proveniente dall’Oratorio della Confraternita di San Giovanni Battista di Faenza, edificio distrutto a fianco del Palazzo del Podestà. Quest’opera è collocata nella sala dal primo allestimento della Pinacoteca ed ora nel fondo della sala del vecchio ingresso di cui anche attualmente è stato lasciata la vecchia denominazione di sala Vestibolo.

La mostra della sala si apre con una significativa raccolta di natura morta con opere dell’emiliano Felice Boselli (Piacenza, 1650 – Parma, 1732), del napoletano Giovanni Battista Ruoppolo (Napoli, 1629 – 1693), del veneto Francesco Guardi (Venezia, 1712 – 1793) e di Arcangelo Resani (Roma, 1670 – Ravenna, 1740) e Carlo Magini (Fano, 1720 – 1806), di area emiliano-romagnola e marchigiana.

Seguono opere di Felice Giani (San Sebastiano Curone, 1758 – Roma, 1823), maestro del neoclassico e autori di tante sale affrescate nei palazzi faentini, e una bella sezione sulla pittura faentina dell’Ottocento. Ad aprirla è Tommaso Minardi (Faenza, 1787 – Roma, 1871), faentino affermatosi a Roma come “principe del disegno” e protagonista della pittura purista. Importante nella sezione la presenza di un pittore paesaggista come Pietro Piani (Faenza, 1770 – Bologna, 1841), mentre significative a documentare l’arte ottocentesca faentina sono le opere di Michele Sangiorgi (Faenza, 1785 – Roma, 1822), Gaspare Mattioli (Faenza, 1806 – 1843), Romolo Liverani (Faenza, 1809 – 1872), Antonio Berti (Faenza, 1830 – 1912) e Tommaso Dal Pozzo (Faenza, 1862 – 1906).

Una selezione di pittura italiana dell’Ottocento presenta invece Massimo D’Azeglio (Torino, 1798 – 1866), Giovanni Fattori (Livorno, 1825 – Firenze, 1908) e Silvestro Lega (Modigliana, 1826 – Firenze, 1895).

Due sculture di Auguste Rodin (Parigi, 1840 – Meudon, 1917) aprono la sezione di sculture presenti nella sala poi ripresa da lavori di Domenico Baccarini (Faenza, 1882 – 1907). E’ proprio quest’artista faentino, vero leader di un gruppo di giovani artisti presentati in parte nella sala successiva, che chiude l’esposizione del Vestibolo con la sua scultura e pittura aperta al confronto internazionale del primo Novecento.

Sala Vestibolo
Sala Vestibolo

OPERE

  240   Felice Boselli, bottega di, Natura morta con costata di manzo, cardo e selvaggina
olio su tela, cm. 48×64 (cornice di cm. 7), lascito Luigi Zauli Naldi, 1965, N. inv. 240
  246   Felice Boselli (Piacenza, 1650 – Parma, 1732), Macelleria: interno di negozio

olio su tela, cm. 133×174 (cornice di cm. 2), lascito Lugi Zauli Naldi, 1965, N. inv. 246
  242   Giovanni Battista Ruppolo (Napoli, 1629 – 1693), Natura morta di ortaggi, frutta, pani e trancio di tonno

olio su tela, datato 1661, cm. 74,5×101 (cornice di cm. 7) cm., lascito Luigi Zauli Naldi, 1965, N. inv. 242
  1097   Francesco Guardi, attr. (Venezia, 1712 – 1793), Fiori, uva e due uccelli

olio su tela, cm. 88×81 (cornice di cm.7), lasciato Giacomo Pozzi, 1935, N. inv. 1097
  239   Arcangelo Resani (Roma, 1670 – Ravenna, 1740), Cane e sporta

olio su tela, prima metà sce. XVIII, cm. 59×73,5, (cornice di cm.9), lascito Luigi Zauli Naldi, 1965, N. inv. 239
  237   Arcangelo Resani (Roma, 1670 – Ravenna, 1740), Piccione morto 

olio su tela, cm. 27×37 (cornice di cm. 7), N. inv. 237
  236   Arcangelo Resani (Roma, 1670 – Ravenna, 1740), Starna e piatto 

olio su tela, cm. 26,5×38 (cornice di cm. 4), N. inv. 236
  248   Carlo Magini (Fano, 1720 – 1806), Natura morta con zuppiera, uova al tegame e bottiglia

olio su tela, cm. 55×79 (cornice di cm. 10), lascito Luigi Zauli Naldi, 1965, N. inv. 248
  244   Carlo Magini (Fano, 1720-1806), Natura morta con formaggi, cipolle, candeliere e bottiglie

olio su tela, cm. 56×79 (cornice di cm. 10), lascito Luigi Zauli Naldi,  1965, N. inv. 244
   82    Cincinnato Baruzzi (Imola, 1796 – Bologna, 1878), Ritratto di Felice Giani

marmo, 1822, cm. 107×74, donazione Felice Giani, 1822, N. inv. 82
  86   Domenico Toschini e Nicola Toselli (sec. XVIII), Monumento onorario al Cardinale Giovanni Carlo Boschi
stucco e marmo, 1768, cm. 169×100, dal Palazzo Comunale di Faenza
  1015   Felice Giani (San Sebastiano Curone, 1758 – Roma, 1823), Trionfo della Fede 
tempera su tela, 1799, cm. 280×165, dalla chiesa di San Girolamo all’Osservanza di Faenza, N. inv. 1015
  492   Felice Giani (San Sebastiano Curone, 1758 – Roma, 1823), Sacra Famiglia 

tempera su tela, cm. 34×48, donazione Luigi Zauli Naldi, 1965, N.inv. 492
  482   Felice Giani (San Sebastiano Curone, 1758 – Roma, 1823), Et in arcadia ego 
tempera e olio su tela, primo decennio sec. XIX, cm. 26×36, donazione Michele Bosi, 1931, N. inv. 482
  483   Felice Giani (San Sebastiano Curone, 1758 – Roma, 1823), Rea Silvia e la principessa Anto
olio su tela, ultimo decennio sec. XVIII, cm. 30×22,5,  donazione Luigi Zauli Naldi, 1965, N. inv. 483
  485   Felice Giani (San Sebastiano Curone, 1758 – Roma, 1823), Cecilia Metella 
olio su tela, ultimo decennio sec. XVIII, cm. 30×22,5, donazione Luigi Zauli Naldi, 1965, N. inv. 485
  484   Felice Giani (San Sebastiano Curone, 1758 – Roma, 1823), La vestale Emilia 
olio su tela, ultimo decennio sec. XVIII, cm. 30×22,5, donazione Luigi Zauli Naldi, 1965, N. inv. 484
   83    Alessandro Tomba (Faenza, 1825 – Firenze, 1864), Ritratto di Pietro Tomba

marmo e gesso, 1850 ca., diametro di cm. 80, N. inv. 83
  919    Tommaso Minardi (Faenza, 1787 – Roma, 1871), L’Ultima Cena

olio su tela, cm. 73×99,5 (cornice di cm. 14), dalla Congregazione di Carità di Faenza, N. inv. 919
  930    Tommaso Minardi (Faenza, 1787 – Roma, 1871), La Cena in Emmaus

olio su tela, 1087 – 1810 ca. , cm. 54×65,5 (cornice di cm. 7), dalla Congregazione di Carità di Faenza,  N. inv. 930
  85   Ballanti Graziani, bottega di (Faenza, sec. XVIII – XIX), Monumento onorario al Vescovo Stefano Bonsignori
gesso, 1827, cm. 163×144, N. inv. 85
  852    Pietro Piani (Faenza, 1770 – Bologna, 1841), Il roccolo

tempera su tela, ultimo decennio sec. XVIII, cm. 71×86 (cornice  di cm. 3), N. inv. 852
  815    Pietro Piani (Faenza, 1770 – Bologna, 1841), La casa sul ponte

tempera su tela, ultimo decennio sec. XVIII, cm. 34×69,5 (cornice  di cm. 4), N. inv. 815
   68    Pietro Barilotto (Faenza, 1481 – 1553), Monumento funerario a Giuliano Camerario

calcare, 1533, cm. 148×153, dal chiostro della chiesa di San Domenico di Faenza, N. inv. 68
  1249   Pietro Piani (Faenza, 1770 – Bologna, 1841), Fiori in vaso

tempera su tela, primo quarto sec. XIX, cm. 53×37 (cornice di cm. 4), N. inv. 1249
  1248   Pietro Piani (Faenza, 1770 – Bologna, 1841), Fiori in vaso

tempera su tela, primo quarto sec. XIX, cm. 53×37 (cornice di cm. 4), N. inv. 1248
  987   Michele Sangiorgi (Faenza, 1785 – Roma, 1822), Teseo fanciullo con Ercole

olio su tela, 1800 ca., cm. 137×93 (cornice di cm. 7), dalla Congregazione di Carità di Faenza, N. inv. 987
  963   Gaspare Mattioli (Faenza, 1806 – 1843), Ritratto di Dionigi Strocchi

olio su tela, 1834 ca., cm. 77,5×59 (cornice di cm. 7), N. inv. 963
  968   Gaspare Mattioli (Faenza, 1806 – 1843), Autoritratto

olio su tela, 1830 – 1831 ca., cm. 68,5×58 (cornice di cm. 8), donazione famiglia Strocchi, 1906, N. inv. 968
  980   Giacomo Albè (Viadana, 1829 – Milano, 1893), Ritratto di Maria Teresa Magnaguti Pasolini Zanelli

olio su tela, 1864 – 1867 ca., cm. 126×95 (cornice di cm. 13), donazione Luigi Zauli Naldi, 1965, N. inv. 980
  655   Romolo Liverani (Faenza, 1809 – 1872), Bozzetto per scenografia

tempera su tela, prima metà sec. XIX, cm. 57×76 (cornice di cm. 11), N. inv. 655
  659   Romolo Liverani (Faenza, 1809 – 1872), Faenza: il Voltone della Molinella

tempera su tela, prima metà sec. XIX, cm. 42×49 (cornice di cm. 6), N. inv. 659
  660   Romolo Liverani (Faenza, 1809 – 1872), Faenza: il ponte con le torri

tempera su tela, 1850 ca., cm. 42×49 (cornice di cm. 6), donazione Michele Bosi, 1931, N. inv. 660
  990   Achille Farina (Faenza, 1804 – 1879), Ritratto di Ludovico Caldesi

olio su tela, 1840 – 1860 ca., cm. 47×39 (cornice di cm. 6), N. inv. 990
  985   Stefano Ussi (Firenze, 1832 – 1901), Ritratto di Federico Argnani

olio su tela, 1850 – 1855 ca., cm. 48×39 (cornice di cm. 7), donazione vedova di Federico Argnani, 1905, N. inv. 985
  771   Antonio Berti (Faenza, 1830 – 1912), La famiglia Castellani

olio su tela, 1870 ca., cm. 173×120, donazione Mariannina Castellani, 1956, N. inv. 771
  751   Antonio Berti (Faenza, 1830 – 1912), La guardiana di tacchini

olio su tavola, 1870 – 1880 ca., cm. 26×43 (cornice di cm. 10), donazione Antonio Mazzotti, 1923, N. inv. 751
  752   Antonio Berti (Faenza, 1830 – 1912), L’aia

tempera su tela, seconda metà sec. XIXI, cm. 37x46 (cornice di cm. 8), N. inv. 752
  705   Tomaso Dal Pozzo (Faenza, 1862 – 1906), Pastora tra i calanchi

olio su tela, 1897, cm. 31,5×45,5 (cornice di cm. 12), donazione Ercole Saviotti, 1898, N. inv. 705
  679   Massimo D’Azeglio (Torino, 1798 – 1866), Scena arcadica

olio su tela, cm. 37×46, acquistato da Alfonso Placci, 1878, N. inv. 679
  572   Giovanni Fattori, attr. (Livorno, 1825 – Firenze, 1908), Buoi all’aratro

olio su tavola, 1880 – 1882 ca.,  cm. 11×25 (cornice di cm. 15), donazione Francesco Papiani, 1959, N. inv. 572
  578   Giovanni Fattori, attr. (Livorno, 1825 – Firenze, 1908), Bove al pascolo

olio su tela 1880 – 1890 ca., cm. 11×25 (cornice di cm. 15), donazione di Francesco Papiani, 1959, N. inv. 578
  1539   Silvestro Lega, attr. (Modigliana, 1826 – Firenze, 1895), Ritratto d’uomo

olio su tela, 1858 ca., cm. 36×27 (cornice di cm. 10), donazione di Ennio Golfieri, 1989, N. inv. 1539
  580   Silvestro Lega, attr. (Modigliana, 1826 – Firenze, 1895), Contadina del Gabbro

olio su tela, 1888 ca., cm. 48×33,5 (cornice di cm. 10), donazione di Ennio Golfieri, 1989, N. inv. 580
  519   Auguste Rodin (Parigi, 1840 – Meudon, 1917), Ritratto della moglie Rose Beuret
bronzo, 1908, dono dell’artista, N. inv. 519

  520   Auguste Rodin (Parigi, 1840 – Meudon, 1917), La signora Russell
bronzo, 1888, dono dell’artista, N. inv. 520
   64    Anonimo lapicida (sec. XVI), Frammento di trabeazione

pietra serena, primo decennio sec. XVI, cm. 57x254x17, da una casa in via XX settembre di Faenza, N. inv. 64
   69    Pietro Barilotto, attr. (Faenza, 1481 – 1553), Padre eterno benedicente
pietra arenaria, fine secondo decennio sec. XVI, diametro cm. 100, dalla chiesa di San Bernardo di Faenza, deposito Gaetano Ballardini, 1922, N. inv. 69
  681   Domenico Baccarini (Faenza, 1882 – 1907), Autoritratto in rosa
olio su cartone, 1903, cm. 71×49, N. inv. 681
  1111   Domenico Baccarini (Faenza, 1882 – 1907), L’umanità dinanzi alla vita (Le passioni umane)
olio su tela, 1904-1906, trittico, pannello sinistro cm. 241×101, pannello centrale cm. 198×302, pannello destro cm. 241,5×102, N. inv. 1111
  1629   Domenico Baccarini (Faenza, 1882 – 1907), Pensiero
terracotta patinata, 1900, cm. 76x41x41, N. inv. 1629
  697   Domenico Baccarini (Faenza, 1882 – 1907), Ritratto della sorella Giovanna (L’attesa)
olio su tela, 1903, cm. 100×60 (cornice di cm. 5), N. inv. 697
  1425   Domenico Baccarini (Faenza, 1882 – 1907), La Bitta con le mani incrociate
bronzo, 1904, cm. 33x30x29, N. inv. 1425
  684   Domenico Baccarini (Faenza, 1882 – 1907), La Bitta che allatta Maria Teresa
olio su tela, 1904, cm. 50,5×61 (cornice di cm. 10), N. inv. 684
  1564   Domenico Baccarini (Faenza, 1882 – 1907), La folla (Popolano)
terracotta patinata, 1902, cm. 38x29x39, N. inv. 1564
  694   Domenico Baccarini (Faenza, 1882 – 1907), Fanciulla tra i gigli
olio e pastello su tela, 1906, cm. 120×59,5 (cornice di cm. 2), acquistato nel 1930, N. inv. 694
  690   Domenico Baccarini (Faenza, 1882 – 1907), Ritratto di Odoardo Neri nello studio
olio su tela, 1903, cm. 30×35,5 (cornice di cm. 3), N. inv. 690
  698   Domenico Baccarini (Faenza, 1882 – 1907), Ritratto di donna seduta
olio su tela, 1906, cm. 120×60 (cornice di cm. 2), N. inv. 698
  1558   Domenico Baccarini (Faenza, 1882 – 1907), Busto della madre (Maddalena Bassi)
terracotta, 1901, cm. 51x23x22, N. inv. 1558
  566   Domenico Baccarini (Faenza, 1882 – 1907), La tentatrice
olio su cartone, 1904, cm. 43,5×66 (cornice di cm. 9), N. inv. 566
  683   Domenico Baccarini (Faenza, 1882 – 1907), La famiglia in lutto (La strada)
olio su tela, 1903, cm. 71×50 (cornice di cm. 6), N. inv. 683
  682   Domenico Baccarini (Faenza, 1882 – 1907),
Autoritratto con sottana
olio su tela, 1905, cm. 120,5×80 (cornice di cm. 15), N. inv. 682
  87   Alfonso Lombardi (Ferrara, 1497 ca. – Bologna, 1537), Madonna col Bambino e i Santi Giovanni Evangelista e Giovanni Battista
terracotta patinata, 1524, cm. 280x300x116, dal distrutto Oratorio di San Giovanni Decollato di Faenza, N. inv. 87

GALLERIA