Vestibolo

VESTIBOLO

 

[su_accordion][su_spoiler title=”Presentazione” style=”fancy” icon=”plus”]

La sala è alquanto suggestiva, nella sua dimensione corrispondente al lungo corridoio di accesso all’istituto già sede dei gesuiti e del primo liceo istituito dallo stato unitario già nel 1861. Ad aumentare il fascino della sala è il fondale con il grande gruppo in terracotta patinata di Alfonso Lombardi (Ferrara, 1497 ca. – Bologna, 1537) proveniente dall’Oratorio della Confraternita di San Giovanni Battista di Faenza, edificio distrutto a fianco del Palazzo del Podestà. Quest’opera è collocata nella sala dal primo allestimento della Pinacoteca ed ora nel fondo della sala del vecchio ingresso di cui anche attualmente è stato lasciata la vecchia denominazione di sala Vestibolo.

La mostra della sala si apre con una significativa raccolta di natura morta con opere dell’emiliano Felice Boselli (Piacenza, 1650 – Parma, 1732), del napoletano Giovanni Battista Ruoppolo (Napoli, 1629 – 1693), del veneto Francesco Guardi (Venezia, 1712 – 1793) e di Arcangelo Resani (Roma, 1670 – Ravenna, 1740) e Carlo Magini (Fano, 1720 – 1806), di area emiliano-romagnola e marchigiana.

Seguono opere di Felice Giani (San Sebastiano Curone, 1758 – Roma, 1823), maestro del neoclassico e autori di tante sale affrescate nei palazzi faentini, e una bella sezione sulla pittura faentina dell’Ottocento. Ad aprirla è Tommaso Minardi (Faenza, 1787 – Roma, 1871), faentino affermatosi a Roma come “principe del disegno” e protagonista della pittura purista. Importante nella sezione la presenza di un pittore paesaggista come Pietro Piani (Faenza, 1770 – Bologna, 1841), mentre significative a documentare l’arte ottocentesca faentina sono le opere di Michele Sangiorgi (Faenza, 1785 – Roma, 1822), Gaspare Mattioli (Faenza, 1806 – 1843), Romolo Liverani (Faenza, 1809 – 1872), Antonio Berti (Faenza, 1830 – 1912) e Tommaso Dal Pozzo (Faenza, 1862 – 1906).

Una selezione di pittura italiana dell’Ottocento presenta invece Massimo D’Azeglio (Torino, 1798 – 1866), Giovanni Fattori (Livorno, 1825 – Firenze, 1908) e Silvestro Lega (Modigliana, 1826 – Firenze, 1895).

Due sculture di Auguste Rodin (Parigi, 1840 – Meudon, 1917) aprono la sezione di sculture presenti nella sala poi ripresa da lavori di Domenico Baccarini (Faenza, 1882 – 1907). E’ proprio quest’artista faentino, vero leader di un gruppo di giovani artisti presentati in parte nella sala successiva, che chiude l’esposizione del Vestibolo con la sua scultura e pittura aperta al confronto internazionale del primo Novecento.
[/su_spoiler]
[/su_accordion]

Sala Vestibolo
Sala Vestibolo

OPERE

 

[su_highlight background=”#Db461e” color=”#fff”] 240 [/su_highlight] Felice Boselli, bottega di, Natura morta con costata di manzo, cardo e selvaggina
olio su tela, cm. 48×64 (cornice di cm. 7), lascito Luigi Zauli Naldi, 1965, N. inv. 240
[su_highlight background=”#Db461e” color=”#fff”] 246 [/su_highlight] Felice Boselli (Piacenza, 1650 – Parma, 1732), Macelleria: interno di negozio

olio su tela, cm. 133×174 (cornice di cm. 2), lascito Lugi Zauli Naldi, 1965, N. inv. 246
[su_highlight background=”#Db461e” color=”#fff”] 242 [/su_highlight] Giovanni Battista Ruppolo (Napoli, 1629 – 1693), Natura morta di ortaggi, frutta, pani e trancio di tonno

olio su tela, datato 1661, cm. 74,5×101 (cornice di cm. 7) cm., lascito Luigi Zauli Naldi, 1965, N. inv. 242
[su_highlight background=”#Db461e” color=”#fff”] 1097 [/su_highlight] Francesco Guardi, attr. (Venezia, 1712 – 1793), Fiori, uva e due uccelli

olio su tela, cm. 88×81 (cornice di cm.7), lasciato Giacomo Pozzi, 1935, N. inv. 1097
[su_highlight background=”#Db461e” color=”#fff”] 239 [/su_highlight] Arcangelo Resani (Roma, 1670 – Ravenna, 1740), Cane e sporta

olio su tela, prima metà sce. XVIII, cm. 59×73,5, (cornice di cm.9), lascito Luigi Zauli Naldi, 1965, N. inv. 239
[su_highlight background=”#Db461e” color=”#fff”] 237 [/su_highlight] Arcangelo Resani (Roma, 1670 – Ravenna, 1740), Piccione morto 

olio su tela, cm. 27×37 (cornice di cm. 7), N. inv. 237
[su_highlight background=”#Db461e” color=”#fff”] 236 [/su_highlight] Arcangelo Resani (Roma, 1670 – Ravenna, 1740), Starna e piatto 

olio su tela, cm. 26,5×38 (cornice di cm. 4), N. inv. 236
[su_highlight background=”#Db461e” color=”#fff”] 248 [/su_highlight] Carlo Magini (Fano, 1720 – 1806), Natura morta con zuppiera, uova al tegame e bottiglia

olio su tela, cm. 55×79 (cornice di cm. 10), lascito Luigi Zauli Naldi, 1965, N. inv. 248
[su_highlight background=”#Db461e” color=”#fff”] 244 [/su_highlight] Carlo Magini (Fano, 1720-1806), Natura morta con formaggi, cipolle, candeliere e bottiglie

olio su tela, cm. 56×79 (cornice di cm. 10), lascito Luigi Zauli Naldi,  1965, N. inv. 244
[su_highlight background=”#Db461e” color=”#fff”]  82  [/su_highlight] Cincinnato Baruzzi (Imola, 1796 – Bologna, 1878), Ritratto di Felice Giani

marmo, 1822, cm. 107×74, donazione Felice Giani, 1822, N. inv. 82
[su_highlight background=”#Db461e” color=”#fff”] 86 [/su_highlight]
Domenico Toschini e Nicola Toselli (sec. XVIII), Monumento onorario al Cardinale Giovanni Carlo Boschi
stucco e marmo, 1768, cm. 169×100, dal Palazzo Comunale di Faenza
[su_highlight background=”#Db461e” color=”#fff”] 1015 [/su_highlight] Felice Giani (San Sebastiano Curone, 1758 – Roma, 1823), Trionfo della Fede 
tempera su tela, 1799, cm. 280×165, dalla chiesa di San Girolamo all’Osservanza di Faenza, N. inv. 1015
[su_highlight background=”#Db461e” color=”#fff”] 492 [/su_highlight] Felice Giani (San Sebastiano Curone, 1758 – Roma, 1823), Sacra Famiglia 

tempera su tela, cm. 34×48, donazione Luigi Zauli Naldi, 1965, N.inv. 492
[su_highlight background=”#Db461e” color=”#fff”] 482 [/su_highlight] Felice Giani (San Sebastiano Curone, 1758 – Roma, 1823), Et in arcadia ego 
tempera e olio su tela, primo decennio sec. XIX, cm. 26×36, donazione Michele Bosi, 1931, N. inv. 482
[su_highlight background=”#Db461e” color=”#fff”] 483 [/su_highlight] Felice Giani (San Sebastiano Curone, 1758 – Roma, 1823), Rea Silvia e la principessa Anto
olio su tela, ultimo decennio sec. XVIII, cm. 30×22,5,  donazione Luigi Zauli Naldi, 1965, N. inv. 483
[su_highlight background=”#Db461e” color=”#fff”] 485 [/su_highlight] Felice Giani (San Sebastiano Curone, 1758 – Roma, 1823), Cecilia Metella 
olio su tela, ultimo decennio sec. XVIII, cm. 30×22,5, donazione Luigi Zauli Naldi, 1965, N. inv. 485
[su_highlight background=”#Db461e” color=”#fff”] 484 [/su_highlight] Felice Giani (San Sebastiano Curone, 1758 – Roma, 1823), La vestale Emilia 
olio su tela, ultimo decennio sec. XVIII, cm. 30×22,5, donazione Luigi Zauli Naldi, 1965, N. inv. 484
[su_highlight background=”#Db461e” color=”#fff”]  83  [/su_highlight] Alessandro Tomba (Faenza, 1825 – Firenze, 1864), Ritratto di Pietro Tomba

marmo e gesso, 1850 ca., diametro di cm. 80, N. inv. 83
[su_highlight background=”#Db461e” color=”#fff”] 919  [/su_highlight] Tommaso Minardi (Faenza, 1787 – Roma, 1871), L’Ultima Cena

olio su tela, cm. 73×99,5 (cornice di cm. 14), dalla Congregazione di Carità di Faenza, N. inv. 919
[su_highlight background=”#Db461e” color=”#fff”] 930  [/su_highlight] Tommaso Minardi (Faenza, 1787 – Roma, 1871), La Cena in Emmaus

olio su tela, 1087 – 1810 ca. , cm. 54×65,5 (cornice di cm. 7), dalla Congregazione di Carità di Faenza,  N. inv. 930
[su_highlight background=”#Db461e” color=”#fff”] 85 [/su_highlight] Ballanti Graziani, bottega di (Faenza, sec. XVIII – XIX), Monumento onorario al Vescovo Stefano Bonsignori
gesso, 1827, cm. 163×144, N. inv. 85
[su_highlight background=”#Db461e” color=”#fff”] 852  [/su_highlight] Pietro Piani (Faenza, 1770 – Bologna, 1841), Il roccolo

tempera su tela, ultimo decennio sec. XVIII, cm. 71×86 (cornice  di cm. 3), N. inv. 852
[su_highlight background=”#Db461e” color=”#fff”] 815  [/su_highlight] Pietro Piani (Faenza, 1770 – Bologna, 1841), La casa sul ponte

tempera su tela, ultimo decennio sec. XVIII, cm. 34×69,5 (cornice  di cm. 4), N. inv. 815
[su_highlight background=”#Db461e” color=”#fff”]  68  [/su_highlight] Pietro Barilotto (Faenza, 1481 – 1553), Monumento funerario a Giuliano Camerario

calcare, 1533, cm. 148×153, dal chiostro della chiesa di San Domenico di Faenza, N. inv. 68
[su_highlight background=”#Db461e” color=”#fff”] 1249 [/su_highlight] Pietro Piani (Faenza, 1770 – Bologna, 1841), Fiori in vaso

tempera su tela, primo quarto sec. XIX, cm. 53×37 (cornice di cm. 4), N. inv. 1249
[su_highlight background=”#Db461e” color=”#fff”] 1248 [/su_highlight] Pietro Piani (Faenza, 1770 – Bologna, 1841), Fiori in vaso

tempera su tela, primo quarto sec. XIX, cm. 53×37 (cornice di cm. 4), N. inv. 1248
[su_highlight background=”#Db461e” color=”#fff”] 987 [/su_highlight] Michele Sangiorgi (Faenza, 1785 – Roma, 1822), Teseo fanciullo con Ercole

olio su tela, 1800 ca., cm. 137×93 (cornice di cm. 7), dalla Congregazione di Carità di Faenza, N. inv. 987
[su_highlight background=”#Db461e” color=”#fff”] 963 [/su_highlight] Gaspare Mattioli (Faenza, 1806 – 1843), Ritratto di Dionigi Strocchi

olio su tela, 1834 ca., cm. 77,5×59 (cornice di cm. 7), N. inv. 963
[su_highlight background=”#Db461e” color=”#fff”] 968 [/su_highlight] Gaspare Mattioli (Faenza, 1806 – 1843), Autoritratto

olio su tela, 1830 – 1831 ca., cm. 68,5×58 (cornice di cm. 8), donazione famiglia Strocchi, 1906, N. inv. 968
[su_highlight background=”#Db461e” color=”#fff”] 980 [/su_highlight] Giacomo Albè (Viadana, 1829 – Milano, 1893), Ritratto di Maria Teresa Magnaguti Pasolini Zanelli

olio su tela, 1864 – 1867 ca., cm. 126×95 (cornice di cm. 13), donazione Luigi Zauli Naldi, 1965, N. inv. 980
[su_highlight background=”#Db461e” color=”#fff”] 655 [/su_highlight] Romolo Liverani (Faenza, 1809 – 1872), Bozzetto per scenografia

tempera su tela, prima metà sec. XIX, cm. 57×76 (cornice di cm. 11), N. inv. 655
[su_highlight background=”#Db461e” color=”#fff”] 659 [/su_highlight] Romolo Liverani (Faenza, 1809 – 1872), Faenza: il Voltone della Molinella

tempera su tela, prima metà sec. XIX, cm. 42×49 (cornice di cm. 6), N. inv. 659
[su_highlight background=”#Db461e” color=”#fff”] 660 [/su_highlight] Romolo Liverani (Faenza, 1809 – 1872), Faenza: il ponte con le torri

tempera su tela, 1850 ca., cm. 42×49 (cornice di cm. 6), donazione Michele Bosi, 1931, N. inv. 660
[su_highlight background=”#Db461e” color=”#fff”] 990 [/su_highlight] Achille Farina (Faenza, 1804 – 1879), Ritratto di Ludovico Caldesi

olio su tela, 1840 – 1860 ca., cm. 47×39 (cornice di cm. 6), N. inv. 990
[su_highlight background=”#Db461e” color=”#fff”] 985 [/su_highlight] Stefano Ussi (Firenze, 1832 – 1901), Ritratto di Federico Argnani

olio su tela, 1850 – 1855 ca., cm. 48×39 (cornice di cm. 7), donazione vedova di Federico Argnani, 1905, N. inv. 985
[su_highlight background=”#Db461e” color=”#fff”] 771 [/su_highlight] Antonio Berti (Faenza, 1830 – 1912), La famiglia Castellani

olio su tela, 1870 ca., cm. 173×120, donazione Mariannina Castellani, 1956, N. inv. 771
[su_highlight background=”#Db461e” color=”#fff”] 751 [/su_highlight] Antonio Berti (Faenza, 1830 – 1912), La guardiana di tacchini

olio su tavola, 1870 – 1880 ca., cm. 26×43 (cornice di cm. 10), donazione Antonio Mazzotti, 1923, N. inv. 751
[su_highlight background=”#Db461e” color=”#fff”] 752 [/su_highlight] Antonio Berti (Faenza, 1830 – 1912), L’aia

tempera su tela, seconda metà sec. XIXI, cm. 37x46 (cornice di cm. 8), N. inv. 752
[su_highlight background=”#Db461e” color=”#fff”] 705 [/su_highlight] Tomaso Dal Pozzo (Faenza, 1862 – 1906), Pastora tra i calanchi

olio su tela, 1897, cm. 31,5×45,5 (cornice di cm. 12), donazione Ercole Saviotti, 1898, N. inv. 705
[su_highlight background=”#Db461e” color=”#fff”] 679 [/su_highlight] Massimo D’Azeglio (Torino, 1798 – 1866), Scena arcadica

olio su tela, cm. 37×46, acquistato da Alfonso Placci, 1878, N. inv. 679
[su_highlight background=”#Db461e” color=”#fff”] 572 [/su_highlight] Giovanni Fattori, attr. (Livorno, 1825 – Firenze, 1908), Buoi all’aratro

olio su tavola, 1880 – 1882 ca.,  cm. 11×25 (cornice di cm. 15), donazione Francesco Papiani, 1959, N. inv. 572
[su_highlight background=”#Db461e” color=”#fff”] 578 [/su_highlight] Giovanni Fattori, attr. (Livorno, 1825 – Firenze, 1908), Bove al pascolo

olio su tela 1880 – 1890 ca., cm. 11×25 (cornice di cm. 15), donazione di Francesco Papiani, 1959, N. inv. 578
[su_highlight background=”#Db461e” color=”#fff”] 1539 [/su_highlight] Silvestro Lega, attr. (Modigliana, 1826 – Firenze, 1895), Ritratto d’uomo

olio su tela, 1858 ca., cm. 36×27 (cornice di cm. 10), donazione di Ennio Golfieri, 1989, N. inv. 1539
[su_highlight background=”#Db461e” color=”#fff”] 580 [/su_highlight] Silvestro Lega, attr. (Modigliana, 1826 – Firenze, 1895), Contadina del Gabbro

olio su tela, 1888 ca., cm. 48×33,5 (cornice di cm. 10), donazione di Ennio Golfieri, 1989, N. inv. 580
[su_highlight background=”#Db461e” color=”#fff”] 519 [/su_highlight] Auguste Rodin (Parigi, 1840 – Meudon, 1917), Ritratto della moglie Rose Beuret
bronzo, 1908, dono dell’artista, N. inv. 519

[su_highlight background=”#Db461e” color=”#fff”] 520 [/su_highlight] Auguste Rodin (Parigi, 1840 – Meudon, 1917), La signora Russell
bronzo, 1888, dono dell’artista, N. inv. 520
[su_highlight background=”#Db461e” color=”#fff”]  64  [/su_highlight] Anonimo lapicida (sec. XVI), Frammento di trabeazione

pietra serena, primo decennio sec. XVI, cm. 57x254x17, da una casa in via XX settembre di Faenza, N. inv. 64
[su_highlight background=”#Db461e” color=”#fff”]  69  [/su_highlight] Pietro Barilotto, attr. (Faenza, 1481 – 1553), Padre eterno benedicente
pietra arenaria, fine secondo decennio sec. XVI, diametro cm. 100, dalla chiesa di San Bernardo di Faenza, deposito Gaetano Ballardini, 1922, N. inv. 69
[su_highlight background=”#Db461e” color=”#fff”] 681 [/su_highlight] Domenico Baccarini (Faenza, 1882 – 1907), Autoritratto in rosa
olio su cartone, 1903, cm. 71×49, N. inv. 681
[su_highlight background=”#Db461e” color=”#fff”] 1111 [/su_highlight] Domenico Baccarini (Faenza, 1882 – 1907), L’umanità dinanzi alla vita (Le passioni umane)
olio su tela, 1904-1906, trittico, pannello sinistro cm. 241×101, pannello centrale cm. 198×302, pannello destro cm. 241,5×102, N. inv. 1111
[su_highlight background=”#Db461e” color=”#fff”] 1629 [/su_highlight] Domenico Baccarini (Faenza, 1882 – 1907), Pensiero
terracotta patinata, 1900, cm. 76x41x41, N. inv. 1629
[su_highlight background=”#Db461e” color=”#fff”] 697 [/su_highlight] Domenico Baccarini (Faenza, 1882 – 1907), Ritratto della sorella Giovanna (L’attesa)
olio su tela, 1903, cm. 100×60 (cornice di cm. 5), N. inv. 697
[su_highlight background=”#Db461e” color=”#fff”] 1425 [/su_highlight] Domenico Baccarini (Faenza, 1882 – 1907), La Bitta con le mani incrociate
bronzo, 1904, cm. 33x30x29, N. inv. 1425
[su_highlight background=”#Db461e” color=”#fff”] 684 [/su_highlight] Domenico Baccarini (Faenza, 1882 – 1907), La Bitta che allatta Maria Teresa
olio su tela, 1904, cm. 50,5×61 (cornice di cm. 10), N. inv. 684
[su_highlight background=”#Db461e” color=”#fff”] 1564 [/su_highlight] Domenico Baccarini (Faenza, 1882 – 1907), La folla (Popolano)
terracotta patinata, 1902, cm. 38x29x39, N. inv. 1564
[su_highlight background=”#Db461e” color=”#fff”] 694 [/su_highlight] Domenico Baccarini (Faenza, 1882 – 1907), Fanciulla tra i gigli
olio e pastello su tela, 1906, cm. 120×59,5 (cornice di cm. 2), acquistato nel 1930, N. inv. 694
[su_highlight background=”#Db461e” color=”#fff”] 690 [/su_highlight] Domenico Baccarini (Faenza, 1882 – 1907), Ritratto di Odoardo Neri nello studio
olio su tela, 1903, cm. 30×35,5 (cornice di cm. 3), N. inv. 690
[su_highlight background=”#Db461e” color=”#fff”] 698 [/su_highlight] Domenico Baccarini (Faenza, 1882 – 1907), Ritratto di donna seduta
olio su tela, 1906, cm. 120×60 (cornice di cm. 2), N. inv. 698
[su_highlight background=”#Db461e” color=”#fff”] 1558 [/su_highlight] Domenico Baccarini (Faenza, 1882 – 1907), Busto della madre (Maddalena Bassi)
terracotta, 1901, cm. 51x23x22, N. inv. 1558
[su_highlight background=”#Db461e” color=”#fff”] 566 [/su_highlight] Domenico Baccarini (Faenza, 1882 – 1907), La tentatrice
olio su cartone, 1904, cm. 43,5×66 (cornice di cm. 9), N. inv. 566
[su_highlight background=”#Db461e” color=”#fff”] 683 [/su_highlight] Domenico Baccarini (Faenza, 1882 – 1907), La famiglia in lutto (La strada)
olio su tela, 1903, cm. 71×50 (cornice di cm. 6), N. inv. 683
[su_highlight background=”#Db461e” color=”#fff”] 682 [/su_highlight] Domenico Baccarini (Faenza, 1882 – 1907),
Autoritratto con sottana
olio su tela, 1905, cm. 120,5×80 (cornice di cm. 15), N. inv. 682
[su_highlight background=”#Db461e” color=”#fff”] 87 [/su_highlight] Alfonso Lombardi (Ferrara, 1497 ca. – Bologna, 1537), Madonna col Bambino e i Santi Giovanni Evangelista e Giovanni Battista
terracotta patinata, 1524, cm. 280x300x116, dal distrutto Oratorio di San Giovanni Decollato di Faenza, N. inv. 87

 

GALLERIA

[su_divider top=”yes” text=”Torna in cima” style=”default” divider_color=”#000″ link_color=”#db461e” size=”4″ margin=”18″]