Maestro della Pala Bertoni (Faenza, seconda metà sec. XV)
, Madonna col Bambino, putti musicanti, San Giovanni Evangelista e il Beato Giacomo Filippo Bertoni

Maestro della Pala Bertoni (Faenza, seconda metà sec. XV),
Madonna col Bambino, putti musicanti, San Giovanni Evangelista e il Beato Giacomo Filippo Bertoni

Maestro della Pala Bertoni, Madonna col Bambino e SantiBeato Giacomo Filippo Bertoni
olio su tavola, 1483 ca., cm. 136,5×200  (cornice di cm. 22), dalla chiesa dei Servi di Maria di Faenza, N. inv. 175

La grande tavola della Madonna in trono col Bambino, allietata da quattro angeli musicanti ai lati, con San Giovanni Evangelista alla destra e alla sinistra la figura genuflessa del Beato Giacomo Filippo Bertoni (morto nel maggio 1483 sofferente di tisi e subito onorato in città) è opera che testimonia l’interesse e l’apertura verso la cultura ferrarese.

Specie nel vasto paesaggio di sfondo, roccioso e fluviale, disseminato di costruzioni e con figure di chiaro valore naturalistico e simbolico, il richiamo ad opere di Francesco del Cossa è talmente evidente che Anna Tambini ha scritto di supporre una frequentazione della bottega del Cossa o addirittura l’uso di suoi cartoni.

L’attribuzione di questa opera, definita da Ennio Golfieri mirabile ed enigmatico unicum, che ha indicato nel ferrarese Lorenzo Costa il possibile autore, è sempre stata complessa. Tradizionalmente questa tavola era attribuita al faentino Leonardo Scaletti. Anna Tambini ha recentemente proposto come autore il pittore Giovanni Orioli da Faenza, noto per il Ritratto di Lionello d’Este ora alla National Gallery di Londra.

La data di esecuzione dell’opera è stata desunta dalla data di morte del Bertoni, 1483.