Agnolo Bronzino (Firenze, 1503 – 1572)
, Ritratto di Luca Martini

Agnolo Bronzino (Firenze, 1503 – 1572),
Ritratto di Luca Martini

olio su tavola, 1554 – 1556 ca., cm. 77×82, dall’Istituto Mazzolani di Faenza, 1902, N. inv. 163

Il quadro ritrae il celebre agronomo Luca Martini, attivo alla corte dei Medici, ritratto di tre quarti e con in mano un cesto di frutta.
Attribuito da Adolfo Venturi e Corrado Ricci a Sebastiano Del Piombo, come riferisce Achille Calzi nel 1909. Bernard Berenson lo assegna al Bronzino, mentre Andrea Emiliani alla bottega.

Ennio Golfieri e Edi Baccheschi in seguito hanno indagato sul problema del rapporto tra l’opera conservata in Pinacoteca Comunale e il Ritratto di Luca Martini del Bronzino a Palazzo Pitti, oltre che con la perduta pala dello stesso artista, realizzata per il Duomo di Pisa e purtroppo perduta.

È il Vasari a dare qualche indicazione per chiarire il problema di questa tavola: ” Andato poi a Pisa, dove fu richiamato dal Duca, fece per Sua Eccellenza alcuni ritratti; e a Luca Martini, suo amicissimo, anzi non pure di lui solo, ma di tutti i virtuosi affezionatissimo veramente, un quadro di Nostra Donna molto bello, nel quale ritrasse detto Luca con una cesta di frutte, per esser stato colui ministro e provveditore per lo detto signor duca nella dissecazione de’ paduli ecc.”.
A questa particolare invenzione fa riferimento dunque più il ritratto faentino che
non quello, più famoso, della Galleria Pitti, dove il Martini regge in mano una carta topografica della regione pisana.

È possibile dunque che il ritratto di Faenza rappresenti una derivazione dal quadro pisano ricordato dal Vasari, mentre il dipinto palatino rappresenta certamente una variante di quella prima invenzione simbolica.

♦ Biografia dell’artista
← Sala del Magistrato