Giorgio Morandi (Bologna, 1890 – 1964)
, Fiori

Giorgio Morandi (Bologna, 1890 – 1964),
Fiori

Giorgio Morandi, Fiori
olio su tela, 1943, cm. 20×25 (cornice di cm. 10), donazione Luigi Zauli Naldi, 1965, N. inv. 524

E’ pervenuto con il lascito testamentario del conte Luigi Zauli Naldi, di cui costituisce uno dei pezzi più eclatanti. Venne acquistato l’anno stesso dell’esecuzione, direttamente dall’autore.
Nel catalogo della recente mostra di Nuoro in cui sono stati esposti dipinti di Morandi aventi per soggetto i fiori, Marilena Pasquali colloca questa tela fra i vertici espressivi di questa particolare tematica: a volte in queste opere si affaccia la voglia di materia, il desiderio di una pienezza pittorica nutrita di carne e sangue, con una pennellata ricca e potente in cui si rivela quello che Georges Floersheim ha definito a ragione l’appassionato temperamento di Morandi.

Un esempio magistrale è dato dal quadro con le Rose della Pinacoteca Comunale di Faenza, dipinto del 1943 e pressoché sconosciuto. Nel catalogo della mostra del 2001 è stato scritto: “In una dimensione chiusa e priva di orizzonte, le corolle carnicine occupano tutto lo spazio, lo divorano per nutrirsi della luce nascosta in quell’ombra del fondo, e si sporgono in avanti quasi come un grido, una mano tesa, una bocca spalancata in cerca d’aria. C’è molta pittura in questo dipinto, ma anche molto bisogno di luce, di armonia, di libertà….”.

Biografia dell’artista
← Sala del Novecento