Donatello (Firenze 1383 o 1386-1466)

Donatello
(Firenze 1383 o 1386-1466)

Donato di Niccolò di Betto Bardi detto Donatello fu scultore tra i grandissimi protagonisti dell’umanesimo fiorentino. Partecipe delle problematiche politiche e artistiche del suo tempo si impegnò in continue sperimentazioni figurative, iconografiche e tecniche.

La sua produzione artistica, nei vari materiali (pietra, marmo, legno, stucco, bronzo), elaborati dal rilievo bassissimo al tuttotondo, risponde con soluzioni originali a esigenze narrative o emblematiche, a problemi della rappresentazione dello spazio (attraverso il volume e l’azione delle figure e la padronanza della prospettiva lineare) e del rapporto scultura-architettura, in un confronto personale con la tradizione medievale e con il mondo antico che ebbe modo di approfondire anche nei soggiorni a Roma (nel primo decennio del secolo e ancora nel 143032).

Presente nei più importanti cantieri fiorentini, in stretto rapporto con artisti quali Brunelleschi e Masaccio, stimato da umanisti, come N. Niccoli e P. Bracciolini, e personalità politiche, come Cosimo il Vecchio. Donatello valicò con la sua attività e la sua fama i confini della Toscana. Lavorò per un decennio a Padova, mentre la sua opera fu richiesta a Venezia, a Mantova, a Ferrara e a Napoli.

La sua formazione avvenne nella bottega del Ghiberti (tra il 1404 e il 1407 figura tra gli aiuti per la porta del Battistero) e nell’Opera del duomo in stretto contatto con Nanni di Banco.

Opere in Pinacoteca

Donatello, San Girolamo

← Elenco Artisti

Donatello (Firenze 1383 o 1386-1466) ultima modifica: 2018-02-26T08:50:08+00:00 da Pinacoteca