Il restauro al posto delle bomboniere: la scelta di due sposi

Il restauro al posto delle bomboniere: la scelta di due sposi

Laura, faentina, e Giacomo, siciliano, hanno scelto di restaurare due pale d’altare conservate in Pinacoteca al posto delle bomboniere.

La coppia ha usufruito dell’Art Bonus, finanziando il recupero di due opere del ‘500 di Giovanni Battista Bertucci il Vecchio, raffiguranti Maria Maddalena e San Giovanni Battista, che è proprio il santo patrono di Castelvetrano, il comune siciliano di cui è originario lo sposo. Le opere sono state restaurate da Maria Letizia Antoniacci.

Il ricevimento di nozze si è tenuto proprio in Pinacoteca, dove gli ospiti (fra cui tanti siciliani) hanno potuto godere delle collezioni. In questa occasione gli sposi hanno comunicato la loro scelta, particolarmente apprezzata tanto che altri hanno detto di voler seguire il loro esempio.

Il restauro è, infatti, un gesto che ogni cittadino può liberamente compiere, semplicemente consultando il sito Art Bonus gestito dal Ministero dei Beni Culturali, nel quale sono elencate le varie opere d’arte che necessitano di interventi, suddivise per collocazione geografica.

Restauro e Matrimonio in Pinacoteca
La coppia con le due opere che ha contribuito a restaurare

Hanno scritto su questo avvenimento:

20 marzo 2018: articolo informativo sul sito di Castelvetrano Selinunte, città dello sposo. Clicca qui per leggere l’articolo

22 marzo 2018: articolo informativo del resto del Carlino nella cronaca di Ravenna. Clicca qui per leggere l’articolo

22 marzo 2018: pagina informativa di Faenzanet su facebook. Clicca qui per la pagina e i molti commenti

2 aprile 2018: articolo di Salvatore Giannella nel suo blog, con intervento del proprietario dell’hotel Alexander di Pesaro che ha invitato i due giovani sposi. Clicca qui per leggere l’articolo

7 aprile 2018: articolo di Vittorio Emiliani su Emergenza cultura. Clicca qui per leggere l’articolo

9 aprile 2018. Riportato da faenzanet l’articolo del Fatto quotidiano del 5 aprile proponendo commenti. Clicca qui, per l’articolo e i commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *