Mino Maccari,
Le amiche di Arlecchino

Mino Maccari,
Le amiche di Arlecchino

Mino Maccari, Le amiche di Arlecchino, 1971, Olio su tela, 40x60 Firmato in basso a sinistra: “Maccari”
Olio su tela, 40×60
Firmato in basso a sinistra: “Maccari”

Realizzato nell’ultimo periodo della carriera di Maccari, come attesta la data apposta dall’artista sul retro della tela. Il quadro riprende e, per certi versi, riassume alcuni degli aspetti più tipici della sua lunga attività pittorica.

In un ambiente chiuso, indefinito e privo di connotazioni spaziali , tre figure occupano pressoché tutto lo spazio rivolti verso l’esterno. Al centro Arlecchino, ben riconoscibile dal tipico abito multicolore. Gli sono affiancate due donne svestite. L’espressione della prima, a destra, è vagamente beffarda. Mentre Arlecchino e la seconda figura femminile sono assorti, concentrati ad osservare una scena che si svolge alla loro sinistra.

L’impostazione della scena ha un evidente taglio fotografico, come di un’azione colta nell’attimo fugace in cui si svolge. La veste cromatica è costruita sul contrasto fra la figura di Arlecchino, il cui abito è costruito da macchie di colori a forti tinte ottenuti accostando prevalentemente i colori primari al nero del copricapo e ad una campitura verde, e le due figure femminili appiattite, a parte i capelli, dalla monocromia dei corpi che quasi si annullano a fianco della folgorante presenza al centro.

Il colore, steso con la rapidità consueta in Maccari, è denso e materico. Come schizzato di getto dai tubetti, tanto da far assumere alla veste cromatica un rilievo quasi scultoreo.

Il soggetto si ritrova di frequente anche in diverse incisioni degli anni Sessanta e Settanta, pubblicate nel fondamentale repertorio delle incisioni di Maccari.

Al confronto con l’aspetto più noto della sua produzione, sia grafica che pittorica, cioè lo spirito satirico incisivo e spesso dirompente, questo dipinto ha un sapore quasi intimistico.

Infatti è privo dei toni volutamente sguaiati e plebei che spesso Maccari esibisce e che, soprattutto nelle pagine de Il Selvaggio, ha per quasi due decenni, dal 1924 al giugno del 1943, lanciato a piene mani contro i bersagli prediletti. Cioè in politica gli arrivisti, gli opportunisti e, nel campo della cultura, coloro che si adeguano sempre e comunque.

Il testo di questa audioguida è parte della scheda di Sauro Casadei per il catalogo della Collezione Bianchedi-Bettoli/Vallunga in vendita presso l’ingresso della Pinacoteca.

♦ Biografia dell’artista
← La collezione Bianchedi Bettoli / Vallunga