Domenico Baccarini,
La Bitta con le mani incrociate

Domenico Baccarini,
La Bitta con le mani incrociate

Domenico Baccarini, La Bitta con le mani incrociate
Bronzo, [1904]

L’artista sfrutta le fattezze della sua modella per darcene un’immagine di donna matura e pacata in questa scultura luminosa. «Mossa» dall’ampio panneggio che bilancia il tono volutamente domestico e quotidiano della posa.

Ritroviamo il Baccarini che ha assimilato l’Accademia toscana. Ma che tiene presenti soprattutto i modelli leghiani. Oltre a ricordare i modi di Giovanni Romagnoli e di Hans Lerche (presenti come Baccarini stesso alla Biennale di Venezia del 1905).

Il testo di audioguida per questa opera è una selezione di parte della scheda di Orsola Ghetti Baldi per il catalogo della Mostra sul Liberty a Bologna e in Emilia-Romagna tenuta nel 1977.

♦ Biografia dell’artista
← Sala d’Ingresso