San Pier Damiani: un’iconografia millenaria. 20 settembre – 2 dicembre 2007

SAN PIER DAMIANI
Un’iconografia millenaria

20 settembre – 2 dicembre 2007

 Nell’ambito delle celebrazioni per il millenario della nascita di San Pier Damiani, la Pinacoteca comunale di Faenza (via S.Maria dell’Angelo, 9) ospita, dal 20 settembre al 2 dicembre 2007, la mostra “San Pier Damiani: un’iconografia millenaria

In mostra vi sono importanti opere e documenti che ricostruiscono l’intera iconografia di San Pier Damiani. L’esposizione si apre con i documenti più antichi, quali i disegni fatti agli inizi del settecento dell’arca di Tura da Imola del 1353-54, ora distrutta, e le immagini ricostruttive del polittico realizzato attorno al 1440 per la chiesa di Santa Maria Vecchia, che allora conservava nell’arca le spoglie del santo.

Il polittico, opera di anonimo convenzionalmente definito Maestro di San Pier Damiani, è ora smembrato e le sue parti ancora note sono conservate in tre diverse sedi. A completare la prima sezione della mostra vi sono quattro grandi tele, tre dipinte nel ‘600 e nel ‘700 per i monasteri camaldolesi di Napoli e Ravenna e una quarta commissionata a Benedetto Gennari, nipote del Guercino, dal faentino Giacomo Laderchi, autore di una vita del Santo pubblicata nel 1702.

Il quadro, restaurato per l’occasione, è del Museo Diocesano di Faenza dopo l’acquisizione dalla famiglia Laderchi, voluta dal Vescovo Battaglia. Dal 1700 si diffondono poi anche le stampe e le incisioni a carattere devozionale. Questa sezione si apre presentando, per la prima volta, una biografia stampata in grande formato, datata 1701. Seguono altre stampe, realizzate dal Settecento all’Ottocento, che testimoniano la diffusione del culto ma anche la varietà dell’iconografia dedicata al santo monaco eremita, vescovo, cardinale e dottore della chiesa.

A testimoniare la varietà dell’iconografia sono in mostra anche un Crocifisso, le targhe e le incisioni dedicate alla Beata Vergine delle Grazie, con i quattro protettori della città agli angoli, secondo il prototipo realizzato nel 1835 e ancora oggi visibile sopra la Porta delle Chiavi in Borgo.

Completano la mostra opere di artisti faentini attivi nel Novecento, tra questi Fausto Dalpozzo, Angelo Biancini e Domenico Matteucci, e altri artisti contemporanei come Aldo Rontini, Danilo Melandri e Pietro Lenzini. La mostra, realizzata dalla Pinacoteca in collaborazione con il Comitato per le celebrazioni del Millenario di San Pier Damiani, consente una visione secolare non solo sulle diverse rappresentazioni artistiche dedicate a San Pier Damiani, ma permette anche un percorso nella diversa iconografia dedicata al Santo, le cui spoglie mortali sono conservate nel Duomo.

Seguendo infatti questo percorso il visitatore potrà notare le immagini che rappresentano il monaco, per lo più diffuse nei monasteri Avellaniti e Camaldolesi, dove S. Pier Damiani è visto come monaco barbuto, le rappresentazioni del Vescovo e Cardinale, generalmente in atto di benedizione ma anche di insegnamento o predica e le rappresentazioni del dottore della Chiesa, con un libro in mano o mentre legge, insegna o scrive.

LE SALE


OPERE IN MOSTRA →