Bertucci Giovanni Battista il giovane (Faenza 1539-1614)

Bertucci Giovanni Battista il giovane
(Faenza 1539-1614)

Figlio di Raffaele, pittore, per distinguerlo dal nonno paterno è stato detto il Giovane. Con lui si conclude la dinastia pittorica dei Bertucci. Nulla si sa della sua formazione che tradizionalmente si suole riferire più allo zio Jacopone che non al padre. Negli anni 1560-1564 l’impegno a Roma nel cantiere delle Logge Vaticane lo mise a diretto contatto con gli esiti del tardo manierismo. Rientrato a Faenza attorno al 1565-’69 gli viene riconosciuta una prima opera, il Ritratto di Ercole Rondinini, firmato ma in cui la data è di incerta lettura.

Nel 1567 insieme a Jacopone venne accusato di eresia, si salvarono entrambi pronunciando solenne abiura. Nel 1575 è documentata la sua partecipazione alla decorazione del soffitto della chiesa di S. Giovanni Battista condotta dallo zio Jacopone e da Giulio Tonducci. Segue un quarantennio di attività intensa ma ripetitiva, che lo vide impegnato nell’esecuzione di innumerevoli quadri per le chiese cittadine, del contado e delle vicine città romagnole.

Le sue composizioni improntate sui modelli delle opere della Controriforma, presentano uno svolgimento quasi bidimensionale ed appaiono estremamente affollate. Le sue opere costantemente firmate e datate non pongono problemi di attribuzioni.

Opere in Pinacoteca


Giovanni Battista Bertucci il Giovane, Nascita della Madonna

← Elenco Artisti